Concessioni termali, Incontro con l’assessore regionale Scaletti

Lunedì 18 giugno scorso il Forum dei Movimenti dell’Acqua Bene Comune toscano ed il comitato dei Beni comuni di Manciano hanno incontrato l’assessore regionale a cultura e turismo Cristina Scaletti per parlare della questione delle concessione termali.

La questione era stata sollevata da un servizio della trasmissione Rai Report e da alcuni interventi sulla stampa di Grosseto del comitato di Manciano, per l’esiguità degli oneri di concessione pagati dalle “Terme di Saturnia Spa” al comune di Manciano.  L’assessore Scaletti aveva prontamente replicato dicendosi favorevole ad una revisione dei canoni , rigidamente regolamentati dalla L.R. 38/2004, per un più congruo onere, da applicare anche in maniera retroattiva rispetto alla firma della concessione appena firmata. All’incontro hanno partecipato. oltre all’Assessore, il dirigente regionale Dott. Bongini, Colin du Liege per il forum toscano e Cinzia Tomassoli ed Andrea Marciani per il comitato mancianese.

Gli amministratori regionali hanno premesso che la legge 38 del 2004 era già in corso di revisione per la parte riguardante la concessione delle acque minerali, che attualmente vengono concesse alle aziende di imbottigliamento ad un prezzo oscillante tra 0,50 e 2,00 euro al metro cubo e che viene ritenuto troppo basso, considerato che tale attività comporta poche ricadute occupazionali e molti oneri per la collettività, anche per l’intenso traffico pesante che genera sul territorio.

Per quanto riguarda la questione termale, l’assessore sottolineava come il panorama sia molto variegato nella regione (dove, ricordiamo, operano 65 stabilimenti termali) sia per la caratteristica delle sorgenti, di cui solo un paio, oltre quelle di Saturnia, sono veramente sorgive, mentre tutte le altre devono essere estratte meccanicamente.

Sia per una parziale situazione di crisi, indotta dalla fine dei finanziamenti pubblici alla nota pratica delle ferie termali, crisi che colpisce soprattutto i paesi che storicamente hanno concentrato tutta l’attività ricettiva sugli stabilimenti termali.  Per molti stabilimenti termali quindi non è in calendario una revisione dei canoni ma viceversa delle misure tese ad alleggerire i costi fissi, con quest’ottica si sta pensando di modificare una vecchia norma nazionale che imponeva il ricambio dell’acqua delle piscine tre volte al giorno e permettere l’introduzione di moderne tecnologie di depurazione delle acque che oltre a garantire l’igiene e la salubrità consentirebbero un notevole risparmio di acqua.   La questione non riguarda, stabilimenti come le terme di Saturnia che con il fiume di acqua sorgiva di cui dispongono (unico anche per il panorama nazionale) non conoscono i problemi sopra descritti e che, per effetto della legge 38/2004, vedono il loro canone annuo ridotto da 851.000 euro a 6.250 da un incongruo plafond.

Alle nostre osservazioni la Dott.sa Scaletti, pur evidenziando che non può essere modificata una legge mirando solo pochi soggetti, si dice d’accordo sul fatto che la rimozione del plafond contenuto nell’articolo 22 della stessa legge consentirebbe una migliore posizione contrattuale ai comuni concessori e restituendo la trattativa alle normali regole di mercato.

Al margine del confronto, il comitato Beni Comuni di Manciano ha fatto presente all’assessore alle terme che al costruenda centrale Enel di Bagnore 4 e le perforazioni ad uso geotermico che impazzano sulle falde del monte Amiata, in zone sempre più prossime a Saturnia, secondo il parere di autorevoli geologi (ed oggetto di un recente convegno tenuto a Roccalbegna) potrebbero finire per intercettare la falda delle terme, privando la concessionaria stessa ed il Comune di Manciano di una delle sue più importanti e storiche risorse.

L’assessore si è detta disponibile a studiare l’argomento ed ha concluso l’incontro con la promessa di tenere al corrente degli sviluppi futuri i cittadini che animano i comitati di tutela dei beni collettivi presenti all’incontro.

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...